Magnetoterapia

La magnetoterapia è una terapia che si avvale dei campi magnetici ottenuti dai magneti nella cura di svariate patologie, su cui ci sofferemo in seguito, per il mantenimento del benessere fisico. Ma non è solo in tempi moderni che si fa il nome di forza magnetica, di cui si comincia a sentir parlare già dal Settecento; tale Franz Mesmer sostenne che un fluido energetico simile a quello magnetico di una calamita sarebbe stato in grado di mettere in equilibrio l’organismo malato. Con l’avanzare del tempo, Mesmer fu del parere cdi ripristinare l’equlibrio di tale fluido e dunque di poter curare le malattie per mezzo dei magneti; ma se dapprima venne visto come una sorta di celebrità, con gli anni i suoi trattamenti scomparvero dalla letteratura medica poichè giudicati privi di prove mediche. In realtà gli effetti positivi dei magneti erano già conosciuti all’epoca degli Egizi quando si raccontava che la regina Cleopatra avesse l’abitudine di portare al collo un piccolo magnete capace di serbare la sua giovinezza. Adesso la magnetoterapia gode di largo seguito soprattutto in Oriente, in Giappone, e nell’Europa dell’Est mentre nei Paesi occidentali non ha ampio riscontro in quanto non se ne identificano basi scientifiche.In realtà, benchè non sia stata definitivamente provata dal punto di vista scientifico, l’efficacia della magnetoterapia è stata pensata per curare patologie connesse alle ossa e ai muscoli oppure per perfezionare il miglioramento delle fratture. La magnetoterapia sembra pertanto giovare in caso di dolori a collo e schiena, artrite, distorsioni, infiammazioni delle articolazioni e nell’eventualità di problemi alla circolazione e così via. Sono specifici strumenti a permettere l’applicazione di campi magnetici (a bassa frequenza) su alcune parti del corpo e a determinare la durata di ciascuna seduta. Apparecchi più adoperati sono cinturini magnetici (da sistemare su polsi, gomiti, ginocchia), letti e apparecchiature cilindriche. Ricordiamo, inoltre, che la magnetoterapia è altresì conosciuta come terapia magnetica o terapia biomagnetica. Nelle pagine seguenti vedremo ad ogni modo quelli che sono i benefici e le malattie che vengono combattute tramite tale terapia.

Indicazioni

Allevia il dolore in quanto agisce come un potente analgesico; Accelera i processi di cura; Stimola lo scambio cellulare; Migliora l’ossigenazione e il nutrimento dei tessuti; Riduce le infiammazioni Stimola il riassorbimento degli edemi; Migliora il flusso capillare; Rigenera le cellule prive di energia; Rallenta il processo di diminuzione della densità ossea (OSTEOPOROSI); Aiuta ad attenuare i dolori e le infiammazioni senza l’uso di farmaci; Ha un’azione antalgica; Riduce i tempi di guarigione di una frattura.

Controindicazioni

La magnetoterapia è in assoluto una delle terapie fisiche con il minor numero di controindicazioni.

Un rischio specifico è presente per i portatori di pace-maker, in gravidanza, in caso di una patologia tumorale